domenica 6 gennaio 2019

Hi-Res Audio - Riproduzione sonora audiofila anche a basso costo


Sto scrivendo questo post ascoltando in cuffia la versione ad alta risoluzione dell'ormai celeberrimo brano dei Queen intitolato Bohemian Rhapsody... sembra evidente che l'omonimo film appena uscito nelle sale cinematografiche non mi è bastato :) Ad ogni modo, mi è venuto in mente di scrivere questo post perché è già da molti anni che si parla, alcune volte a sproposito, dell'audio ad alta risoluzione ma a cosa ci si riferisce esattamente con tale termine e soprattutto, cosa occorre per provare l'ebrezza della vera Musica.

Cos'è l'audio ad Alta Risoluzione (Hi-Res Audio o HRA)

Premetto che non stiamo parlando del volgare mp3 e neanche del CD, ma di qualcosa tecnicamente superiore! Andiamo per ordine. Quando gli artisti sono intenti a registrare in studio la loro performance utilizzano strumentazioni di altissimo livello sonoro generando file digitali molto "pesanti". Per spiegare bene cosa voglio intendere devo introdurre qualche semplice concetto che ci tornerà utile nel proseguo. Il suono è una grandezza fisica di natura analogica, ossia continua, che per essere "tradotta" in digitale bisogna discretizzarla. Cerco di spiegarmi meglio. Per registrare brano in un file audio bisogna salvare tanti segnali, detti campioni, codificati in bit, unità base di memoria in informatica. Quindi, i due parametri da considerare per definire la qualità audio sono i seguenti:
  • Frequenza di campionamento, espressa in kHz, ossia quanti campioni di suono salviamo in un secondo;
  • Profondità del campione, espressa in bit, ossia quanto è "espressivo" un campione di suono salvato.


Facciamo subito l'esempio del comune Compact Disc audio (CD-A) che offre una qualità massima con frequenza di campionamento pari a 44,1 kHz (quindi 44.100 campioni al secondo) con una corposità del singolo campione di 16 bit. Tale limite tecnologico appena definito viene superato dall'audio in studio di registrazione dove solitamente si registra a non meno di 96 kHz e 24 bit.
Facendo due semplici calcoli, in ogni CD un secondo di brano occupa 16 x 44100 = 705600 bit mentre in studio di registrazione un secondo occupa 24 x 96000 = 2304000 ossia più di 3 volte quello del CD! Mentre registrando ad una risoluzione di 192 kHz e 24 bit si ottengono file 6,5 volte più "pesanti" rispetto alla qualità standard del CD! Capite bene che per "esprimere" la qualità di incisione in studio occorre adottare qualcosa di più capiente di un comune CD.

Cosa occorre per ottenere una riproduzione sonora audiofila

Banalmente, per gustare audio in qualità studio, occorre in primis un supporto che contenga la musica. Le soluzioni adottate dal mercato discografico sono varie ma possiamo racchiuderle in due macro aree: supporti fisici, detta anche "musica solida", o informatici, questi ultimi battezzati ufficialmente con il termine "musica liquida".

Per i supporti fisici si contemplano oltre agli storici DVD-Audio (DVD-A) e Super Audio CD (SACD) i più recenti Blu-Ray Audio (BD-A), tutti supporti che fra l'altro superano il comune CD anche perché offrono la possibilità di gustare l'audio multicanale che tratteremo più avanti.
Per quanto riguarda la così detta "musica liquida" ci riferiamo a file audio, ovviamente qualcosa di decisamente migliore dei comuni mp3! In buona sostanza stiamo parlando di file audio WAV, FLAC, ALAC, DSD, ecc... definiti "lossless" ossia "senza perdita" a differenza dei file "lossy", come l'mp3 appunto, che nel processo di codifica determinano una perdita di informazioni, quindi di qualità, rispetto all'audio originale registrato in studio.
Sia la musica solida che liquida è acquistabile online su siti web come Amazon o eBay, per i supporti fisici, e HDtracs.com per la musica liquida.

Una volta procurata la vostra musica preferita bisogna riprodurla correttamente tramite dispositivi di qualità, ossia certificati per l'alta risoluzione. Occhio alla presenza del logo ufficiale "Hi-Res AUDIO"... non basta affermare di avere l'alta risoluzione!

Per la musica solida occorre un buon impianto stereo o magari un buon impianto Home Theater che permette di riprodurre anche musica multicanale ossia non più solo due segnali (destro e sinistro) ma fino a sei o nove segnali discreti! Stiamo parlando di particolari supporti fisici codificati in Surround 5.1 o 7.2 dove la prima cifra indica il numero di casse satelliti mentre la seconda cifra indica il numero di Sub Woofer, particolari diffusori specifici per riprodurre i suoni molto gravi, praticamente vibrazioni!

Per quanto riguarda la musica liquida dobbiamo munirci di appositi player da tavolo o meglio portatili ma con cuffie/auricolari ovviamente anch'essi certificati per l'alta risoluzione mostrando in bella vista il suddetto logo "Hi-Res AUDIO".

Quanto costa ascoltare musica Hi-Res?

Tutto bello, tutto OK ...ma ora arriviamo alla solita domanda: quanto mi costa??? Ovviamente stiamo parlando di qualcosa di alta qualità, da veri audiofili e quindi non possiamo sperare di cavarcela con i costi di un comune CD o mp3 riprodotti con un lettore acquistato all'ipermercato più vicino o peggio all'autoradio. La situazione però non è tanto drammatica come si può pensare ma tutto dipende dalle proprie esigenze da cui derivano delle oculate scelte d'acquisto.
Se vogliamo gustare in salotto con gli amici e la famiglia musica solida in ambiente Surround bisognerà spendere mediamente 20 EUR per il nostro album preferito in versione DVD-Audio, SACD o Blu-Ray Audio, qualora sia stato reso disponibile in uno dei detti formati, ed inserirlo in un bel player universale collegato ad un impianto Home Theater di fascia medio-alta In questo caso stiamo parlando di una spesa non inferiore a 600 EUR, niente a che vedere con le soluzioni talvolta proposte in coordinato con l'acquisto del nuovo televisore. Tra i brand col miglior rapporto qualità/prezzo mi sento di consigliare Yamaha.
Se invece siete dei tipi dinamici e magari avete poco tempo dovrete optare per la musica liquida. Bisogna considerare che acquistare un album liquido, o meglio singoli brani, costa decisamente di meno del corrispettivo formato solido che però talvolta offre la musica multicanale. Per quanto riguarda i lettori portatili ci sono alcuni di marche blasonate che costano anche 500 EUR ma cercando su Amazon ho fatto di recente una bella scoperta che di seguito vi racconto.

L'audio Hi-Res portatile a poco prezzo!

Leggendo su Amazon molti feedback positivi sul produttore cinese Dodocool ho deciso di acquistare il suo player DA106 e le sue cuffie DA108 spendendo meno di 70 EUR (vedi foto in testa al post). Premetto che, se non ci fosse stata la possibilità di reso da parte di Amazon, non avrei neanche preso in considerazione l'acquisto ...invece mi sono dovuto ricredere al punto tale da acquistare un secondo paio di cuffie per ascoltare il player insieme a mia moglie.

In buona sostanza, il dispositivo Dodocool DA106 è un player universale Hi-Res con tanto di logo in bella vista. Tramite questo gioiellino è possibile gustare qualsiasi formato di musica liquida: dai DSD64/128/256, FLAC (fino a 192kHz/24bit), ALAC (fino a 192kHz/24bit), APE (fino a 96 kHz/24bit), WAV (fino a 192kHz/24bit) terminando con i classici MP3 e WMA che, anche non essendo Hi-Res, suonano decisamente meglio di ogni altro lettore in circolazione! Il dispositivo si distingue per la sua scocca in metallo di colore grigio dove spicca il piccolo display a colori da due pollici con risoluzione di 320x240 che permette di visualizzare le principali informazioni del brano in riproduzione nonché kHz, bit e copertina dell'album! Il player suona da paura grazie al suo processore ARM dual core Cortex M3 ed un amplificatore Texas Instruments TPA6130A2. Come ulteriore estensione della memoria bisogna valutare l'acquisto di una microSD da massimo 256 GB... che al momento costa di più del player stesso! Se non fosse abbastanza, aggiungiamo anche la presenza della radio FM, senza RDS, con la possibilità di memorizzare la musica trasmessa dalle varie stazioni nello storage del lettore. Non manca infine la possibilità di utilizzare il Dodocool DA106 come registratore portatile.

Non dimentichiamo che la magia del suo suono dipende anche dalle cuffie in-ear di Dodocool DA108, sempre certificate Hi-Res, che si fanno notare per un piccolo archetto in gomma removibile da inserire all'interno del padiglione auricolare, utile ad evitare eventuali cadute, ad esempio durante le attività sportive. Si tratta di auricolari economici con struttura esterna in metallo nero, dotati di jack da 3.5 mm placcato d'oro e cavo piatto da 1,2 metri. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche ricordiamo il driver in titanio da 9mm, l'impedenza di 16 Ohms a 1 kHz, Output S.P.L di 100±4dB ed una frequenza da 10 Hz a 45 kHz (range che va oltre i limiti dello spettro udibile!!!) con un peso di 17g. Non manca il telecomando a filo con singolo pulsante per gestione brani, comandi vocali e chiamate grazie al microfono integrato. Le cuffie vengono fornite con un'utile custodia rigida dotata di un rivestimento che ricorda la fibra di carbonio e con altri due set di gommini per gli auricolari, che permettono facilmente di adattare le DA108 alla forma delle nostre orecchie. Le cuffie Dodocool DA108 possono anche fungere egregiamente da auricolari per il nostro smartphone avendo il microfono integrato. Anche in questa seconda veste fanno scintille, i banali mp3 riprodotti dal telefonino si sentono decisamente meglio ...certo, non sono Hi-Res ma sono riprodotti al top delle loro capacità.

Album Hi-Res Surround consigliati

Come accade per molti aspetti della vita, i gusti sono gusti, ma per quanto riguarda il settore audiofilo ci sono album considerati all'unanimità un vero must, alcuni premiati dagli esperti del settore. Ci sono album da sentire almeno una volta nella propria vita!

Di seguito vado a riportare alcuni titoli presenti nella nostra piccola collezione privata:

  • AA.VV. - MAGNIFICAT feat. Trondheim Solistene (Hybrid SACD + BD-A 2.0 & 5.1 192/24) 2014
  • HOFF ENSEMBLE - QUIET WINTER NIGHT - An Acoustic Jazz Project (BD-A 2.0 & 5.1 192/24) 2012
  • AA.VV.THE AUDIOPHILE SOUND OF MDG - Classical Ref. (Hybrid SACD 2.0, 5.1 & 2+2+2) 2016
  • AA.VV.THE SURROUND SOUND SAMPLER - Linn Records (Hybrid SACD HDCD 2.0 & 5.1) 2004
  • SIGNUM SAXOPHON QUARTETTDEBUT (Hybrid SACD 2.0 & 5.1) 2011
  • YELLOWJACKETSTIME SQUARED (Hybrid SACD 2.0 & 5.1 - Enhanced CD) 2003
  • BJORKMEDULLA (L.E. Hybrid SACD 2.0 & 5.1) 2004
  • QUEENA NIGHT AT THE OPERA (2013 BD-A 5.1 96/24 - High Fidelity Pure Audio) 1975
  • QUEENTHE GAME (2003 DVD-A DTS 2.0 & 5.1 96/24) 1980
  • STEELY DANGAUCHO (2003 Hybrid SACD 2.0 & 5.1) 1980
  • MARK KNOPFLERSHANGRI-LA (Hybrid SACD 2.0 & 5.1) 2004
  • DIRE STRAITSBROTHERS IN ARMS - 20th Anniversary Edition (2005 Hybrid SACD 2.0 & 5.1) 1985
  • DEPECHE MODEULTRA (2007 Remaster CD + DVD DTS 2.0 & 5.1 96/24) 1997
  • DAVID GILMOURRATTLE THAT LOCK (CD + BD-AV DTS-HD MA 5.1 96/24) 2015
  • PINK FLOYDTHE DARK SIDE OF THE MOON (2011 Immersion Ed. 3CD + 2DVD + BD 5.1 96/24) 1973
  • EAGLES (The)HELL FREEZES OVER (MTv Live CD + DVD PCM 2.0 & DTS 5.1) 1994
  • DONALD FAGENTHE NIGHTFLY (CD + 2011 SACD 2.0 & 5.1) 1982
Potete consultare la lista completa della nostra collezione al seguente link: bit.ly/Lista_CDA

Nessun commento:

Posta un commento